giovedì 5 luglio 2007

desiderata irrealtà

...anche scoprire che le cose che stai studiando da due anni non si possono fare può servire...
forse non al morale (però il fatto che il morale sia abbastanza basso di suo è un bene: se fosse alto farei un bel salto e forse mi farei anche male, ma essendo basso... faccio un salto piccolo e lo stato rimane più o meno invariato)
Però sicuramente serve a smettere di farle...
Una cosa bella della matematica infatti è che quando si scopre che una cosa non si può fare, poi non ci sono tentazioni che ti inducano a farla pur sapendo che è sbalgiata. Se è sbagliata, è sbagliata punto e basta: non la si fa più e festa finita!
Già, nella matematica le cose non funzionano come nel mondo reale. :)
Però si ha a che fare con persone reali... o forse no... nemmeno le persone sono del tutto reali...
chissà... forse nemmeno io sono reale...
che bello che sarebbe non essere reali!
questa sì che è una tentazione...
non vi preoccupate: finché continuo a dirlo non dovrebbero esserci problemi... sarà quando smetterò di dirlo che dovrete iniziare a preocuparvi...

1 commento:

Cristiano ha detto...

non so se dobbiamo preoccuparci fincehè lo dici.
forse ci dobbiamo preoccupare quando lo affermerai...o...peggio ancora...quando proverai a dimostrarlo.
Pero', se intanto cambi idea, visto che lavori su C, potresti sempre cominciare a pensare che sei un immaginario puro !

Fico !!!

Io, al piu', mi sento sempre il solito punto grasso (di molteplicità alta)